Lo splendore di Ayuthaya, antica capitale del Siam, non ha paragone in tutto il resto della Thailandia, ma pecca, forse, nell’atmosfera troppo turistica. E’, comunque, una tappa imperdibile nel vostro viaggio in Asia e dovete dedicarci almeno una giornata.

Se arrivate la mattina presto da Bangkok cercate una sistemazione direttamente sull’Isola (il centro storico di Ayuthaya è situato letteralmente su un’isola circondata da fiumi e canali) che è piena di guesthouse di buona qualità e a basso prezzo. Concedetevi un caffè ghiacciato e noleggiate delle biciclette. Il modo migliore per visitare il parco storico di Ayuthaya è pedalando tra i templi, accompagnati (se siete fortunati) da un elefante.

Che cosa vedere ad ayuthaya

Le attrazioni principali di Ayuthaya si distinguono tra quelle situate sull’Isola e quelle fuori dall’Isola.

Sull’Isola

Partite con il Wat Phra Si Sanphet e i suoi 3 chedi che nel XIV secolo era il complesso più grande e che al suo interno ospitava un Buddha d’oro di 16 metri. Proseguite con il Wat Phra Mahathat dove troverete l’attrazione più fotografata del luogo, e probabilmente anche il motivo che vi ha spinti ad Ayuthaya, ovvero la testa di Buddha inglobata in un intrico di radici. La testa venne abbandonata durante un tentativo di saccheggio, forse dai birmani o forse semplici ladri, che però trovandola troppo pesante la abbandonarono permettendo agli alberi di crescerci attorno.

Scattati i selfie di rito con la testa del Buddha continuate il tour dei templi con il Wat Ratburana adiacente al Mahathat e il Wat Thammikarat dove potrete fare una sosta tra le ombreggiate rovine protette dai Singha (leoni guardiani).

Fuori dall’isola

Fuori dall’Isola, Ayuthaya offre ancora un paio di templi interessanti e un bel mercato galleggiante. Presso il Wat Phanan Choeng potrete ammirare una statua del Buddha di 19 metri ed è circondata da migliaia di piccole sculture del Buddha sistemate in nicchie lungo le pareti.

Il Wat Chai Wattanaram era completamente sommerso nella giungla fino a 40 anni fa, poi il prang centrale di 35 metri fu riportato alla luce attraverso un programma di restauro e oggi è uno dei luoghi migliori dove osservare il tramonto ad Ayuthaya.

Infine, fate un salto al mercato galleggiante dove potete trovare in mezzo all’artigianato locale, diversi piatti tipici da assaggiare.

COME ARRIVARE AL FLOATING MARKET DI AYUTHAYA

Comments

comments